Come riscaldare l’acqua della piscina: tutti i modi

18 Maggio 2024

come riscaldare l'acqua della piscina

Riscaldare l’acqua della piscina consente di prolungare l’utilizzo della vasca durante l’anno, aumentando così il valore del proprio investimento.

Anche durante i mesi più freddi, molti appassionati di piscine desiderano immergersi nel comfort e nel relax che solo una piscina privata può offrire. La sfida principale, durante l’inverno, è mantenere la temperatura dell’acqua a un livello confortevole, sia per le piscine interrate che per quelle fuori terra.

Esistono vari metodi per riscaldare l’acqua della piscina, suddivisi principalmente in due categorie: quelli che sfruttano l’energia solare in maniera indiretta e quelli che agiscono direttamente sulla temperatura dell’acqua.

In questo articolo, assieme ai tecnici di Dt Prime Piscine, esploreremo le diverse opzioni disponibili per il riscaldamento della piscina, aiutandoti a identificare la soluzione più adatta alle tue esigenze specifiche.

Se hai bisogno di realizzare una piscina puoi rivolgerti agli esperti di Dt Prime Piscine. Per una consulenza o un preventivo puoi chiamare il numero +39 0571 84 48 82 oppure mandare una mail a  info@dtprime.it.

Riscaldamento solare piscina

Tappeti solari

I tappeti solari sfruttano tubi neri in polipropilene esposti alla luce solare per riscaldare l’acqua della piscina. L’acqua circola attraverso questi tubi, assorbendo il calore del sole.

Questo sistema non si basa sull’energia solare tramite impianti fotovoltaici, ma utilizza direttamente il calore del sole per riscaldare l’acqua che viene poi immessa nella vasca tramite una derivazione o una pompa secondaria. I tappeti solari possono essere ulteriormente potenziati da una cupola solare, che crea un effetto serra, trattenendo il calore e migliorando l’efficienza del riscaldamento.

Vantaggi:

  • Economico: Basso costo di installazione e manutenzione.
  • Facile da installare: Non richiede interventi complessi o specializzati.
  • Ecologico: Utilizza energia solare, riducendo l’impatto ambientale.
  • Adatto per piscine fuori terra: Ideale per utilizzo domestico frequente.
  • Affidabile: Funziona bene nelle condizioni climatiche adeguate.

Svantaggi:

  • Dipendenza dal meteo: Efficace solo in giornate soleggiate, rendendolo meno affidabile in climi variabili.
  • Necessita di spazio: Richiede un’area ampia per l’installazione dei pannelli solari.
  • Efficiente solo in regioni soleggiate: Ideale per installazioni in aree con lunga esposizione solare.

Questo metodo di riscaldamento è consigliato per le regioni ampie e soleggiate, dove può funzionare in modo ottimale e fornire un riscaldamento efficace ed ecologico.

Copertura solare o a bolle per piscine

La copertura solare, nota anche come copertura a bolle, non è propriamente un sistema di riscaldamento per piscine fuori terra o interrate, ma piuttosto un metodo per mantenere la temperatura dell’acqua già esposta al sole. Funziona creando un effetto serra, che permette di aumentare leggermente la temperatura dell’acqua.

Questa copertura termica trattiene il calore accumulato durante il giorno e offre ulteriori benefici come la riduzione dell’evaporazione e la protezione dell’acqua da sporco e detriti. Tuttavia, deve essere rimossa durante la balneazione e non è efficace nei mesi invernali.

Vantaggi:

  • Economico: Basso costo di acquisto e manutenzione.
  • Pratico: Facile da installare e rimuovere.
  • Mantiene l’acqua pulita: Protegge l’acqua da sporco e detriti.
  • Riduce l’evaporazione: Minimizza la perdita di acqua, riducendo i costi di manutenzione.
  • Adatto per piscine fuori terra: Ottimo per uso domestico in climi caldi.

Svantaggi:

  • Non efficace in inverno: Non riscalda l’acqua nei mesi più freddi.
  • Deve essere rimossa durante il bagno: Non può essere utilizzata mentre si è in acqua.

La copertura solare a bolle è ideale per chi cerca una soluzione economica e pratica per mantenere la temperatura dell’acqua e ridurre i costi di manutenzione, purché sia usata in regioni soleggiate e nei periodi caldi dell’anno.

Veranda per piscina

L’installazione di una veranda attorno alla piscina sfrutta l’effetto serra per riscaldare l’acqua, mantenendo una temperatura interna più elevata rispetto all’esterno. Questo sistema consente di fare il bagno anche quando le temperature esterne sono basse e il clima è ventilato, riducendo significativamente il raffreddamento dell’acqua.

Vantaggi:

  • Mantiene l’acqua più calda: La veranda crea un effetto serra che mantiene la temperatura dell’acqua più elevata.
  • Protezione da vento e freddo: Offre riparo dalle intemperie, permettendo un uso più prolungato della piscina.
  • Permette il bagno nonostante il clima: Consente di utilizzare la piscina anche in condizioni climatiche sfavorevoli.
  • Costo di mantenimento nullo: Una volta installata, la veranda non comporta costi di riscaldamento aggiuntivi.

Svantaggi:

  • Effetto non duraturo nel tempo: La capacità di mantenere il calore può diminuire nel tempo e in base alle condizioni meteorologiche.
  • Dipendenza dal meteo: L’efficacia della veranda è influenzata dalle condizioni climatiche esterne.

Questo metodo di riscaldamento indiretto è ideale per chi desidera una soluzione ecologica e a basso costo di mantenimento, che consenta di utilizzare la piscina anche in periodi meno caldi.

Riscaldatore elettrico per piscina

I riscaldatori elettrici per piscina utilizzano una resistenza per riscaldare l’acqua. Installati nella rete di filtrazione tra la pompa e le bocchette, questi dispositivi sono scelti in base alle dimensioni della vasca e al volume dell’acqua.

Vantaggi:

  • Facile da installare: L’installazione è semplice e non richiede interventi complessi.
  • Investimento iniziale contenuto: I costi di acquisto sono relativamente bassi, rendendolo un’opzione accessibile.
  • Efficiente per piccoli volumi d’acqua: Ideale per piscine di dimensioni ridotte.

Svantaggi:

  • Alto consumo energetico: Comporta un aumento significativo delle spese in bolletta.
  • Consigliato per uso occasionale: Adatto per utilizzo saltuario, soprattutto in piscine piccole.

Questo tipo di riscaldatore è particolarmente indicato per chi cerca una soluzione di facile installazione e a basso costo iniziale, ma va considerato il suo elevato consumo energetico, rendendolo più adatto per piscine piccole e per un uso non continuativo.

Scambiatore termico

Lo scambiatore termico è una soluzione semplice ed economica per riscaldare rapidamente l’acqua della piscina, utilizzando la caldaia domestica o una pompa di calore tramite un collegamento diretto. È importante scegliere uno scambiatore adeguato alle dimensioni e al volume della piscina per ottenere i migliori risultati.

Vantaggi:

  • Economico: L’investimento iniziale è contenuto.
  • Facile da installare: Installazione semplice e diretta.
  • Rapido nel riscaldare l’acqua: Permette di aumentare la temperatura dell’acqua in tempi molto brevi.
  • Indipendente dal meteo: Funziona efficacemente anche a basse temperature esterne.

Svantaggi:

  • Alto consumo energetico: L’uso frequente comporta un notevole aumento del consumo di energia elettrica.
  • Meno ecologico: Tra i vari sistemi, è uno dei meno sostenibili dal punto di vista ambientale.
  • Ideale in combinazione con altri sistemi: Funziona meglio se abbinato a una pompa di calore, che aiuta a mantenere stabile la temperatura dell’acqua.

Lo scambiatore termico è particolarmente utile per chi ha bisogno di riscaldare l’acqua della piscina rapidamente, nonostante il suo alto consumo energetico e il maggiore impatto ambientale. Abbinato ad altri sistemi, come la pompa di calore, può offrire una soluzione di riscaldamento efficiente e versatile.

Pompe di calore

Le pompe di calore sono un sistema efficiente per riscaldare l’acqua della piscina, prelevando calore dall’aria ambiente e trasferendolo all’acqua. Installate nel circuito di filtrazione, queste pompe offrono un alto rendimento energetico e consentono di mantenere una temperatura piacevole per un periodo prolungato.

Vantaggi:

  • Alta efficienza: Le pompe di calore sono molto efficienti nel convertire energia e riscaldare l’acqua.
  • Basso costo energetico: Consumo energetico ridotto, che si traduce in risparmi significativi in bolletta.
  • Ideale per piscine grandi: Adatte sia per piscine interrate che fuori terra di grandi dimensioni.
  • Silenziose: I modelli più recenti sono particolarmente silenziosi durante il funzionamento.
  • Facile da usare: Semplici da gestire e mantenere.

Svantaggi:

  • Investimento iniziale elevato: Costi di acquisto e installazione più alti rispetto ad altri sistemi di riscaldamento.
  • Dipendenza dalle temperature esterne: La loro efficienza diminuisce con temperature esterne molto basse.
  • Lenta nel riscaldare: Può impiegare fino a un giorno per aumentare di pochi gradi la temperatura dell’acqua.

Le pompe di calore rappresentano una soluzione eccellente per chi desidera un riscaldamento efficiente e sostenibile, soprattutto per piscine di grandi dimensioni, garantendo comfort e risparmio energetico nel lungo periodo.

Consigli per l’uso delle pompe di calore

  • Utilizzare coperture isotermiche per limitare la dispersione di calore.
  • Ideali quando la temperatura esterna è superiore a 10°C.

Quanto Tempo Occorre per Scaldare una Piscina

Il tempo necessario per riscaldare una piscina dipende da diversi fattori, tra cui la quantità d’acqua da riscaldare, la potenza del sistema di riscaldamento utilizzato, e le condizioni ambientali come la temperatura esterna e l’esposizione al sole.

Dimensioni della Piscina

La prima variabile da considerare è il volume d’acqua della piscina. Piscine più grandi richiedono naturalmente più tempo per raggiungere la temperatura desiderata rispetto a quelle più piccole. Ad esempio, una piscina di 50 metri cubi impiegherà meno tempo per riscaldarsi rispetto a una di 100 metri cubi, utilizzando lo stesso sistema di riscaldamento.

Tipologia del Sistema di Riscaldamento

Il tipo di sistema di riscaldamento influisce notevolmente sui tempi necessari. Ecco una panoramica dei diversi sistemi:

  • Riscaldatori elettrici: Sono rapidi nell’innalzare la temperatura dell’acqua ma hanno un elevato consumo energetico. Possono riscaldare una piscina piccola in poche ore, ma per volumi maggiori potrebbero necessitare di 24-48 ore.
  • Pompe di calore: Molto efficienti ma più lente, le pompe di calore possono impiegare 2-3 giorni per aumentare di qualche grado la temperatura di una piscina di medie dimensioni.
  • Scambiatori termici: Utilizzando il calore della caldaia domestica, possono riscaldare rapidamente l’acqua, spesso in meno di 24 ore, ma con un alto consumo energetico.
  • Tappeti solari e coperture a bolle: Questi metodi sfruttano l’energia solare e sono molto dipendenti dalle condizioni meteorologiche. Possono richiedere diversi giorni per riscaldare l’acqua, soprattutto in assenza di sole costante.

Condizioni Ambientali

Il periodo dell’anno e le condizioni meteorologiche influenzano anche il tempo necessario per riscaldare la piscina. Durante le stagioni più calde, con giornate soleggiate, il riscaldamento sarà più rapido grazie al contributo del sole. Al contrario, nei mesi più freddi o nuvolosi, il sistema di riscaldamento dovrà lavorare più a lungo per raggiungere la temperatura ideale.

Temperatura di Partenza

La temperatura iniziale dell’acqua della piscina è un altro fattore determinante. Se l’acqua è già tiepida, magari a causa del sole, sarà più facile e veloce portarla alla temperatura desiderata di circa 27°C. Se invece l’acqua è molto fredda, come accade all’inizio della primavera, il processo richiederà più tempo e più energia.

Tempi Indicativi

In condizioni ideali, con una piscina di dimensioni medie e un buon sistema di riscaldamento, si può stimare che il riscaldamento completo possa richiedere tra le 20 e le 80 ore. Questo significa che per raggiungere una temperatura piacevole per la balneazione, potrebbe essere necessario mantenere attivo il sistema di riscaldamento per 2-4 giorni.

In sintesi, il tempo necessario per riscaldare una piscina varia notevolmente in base a vari fattori. Con una pianificazione adeguata e la scelta del sistema di riscaldamento più adatto, è possibile godere di una piscina calda e confortevole per gran parte dell’anno.

Condividi